Prego di rimanere un gastroliberale

Prego di rimanere un gastroliberale

Le signore acattoliche e inappetenti che frequentano il Joia sono, almeno dal punto di vista economico, élite milanese, eppure credono in Leemann ossia in colui che dice: “Da Joia propongo cibo che abbia una coerenza: locale e rispettoso dell’ambiente”. Locale? Gli alberi di yuzu si trovano forse al Parco Sempione? Rispettoso dell’ambiente? Il miso che arriva dal Giappone in aereo o in nave inquina meno del bitto che arriva dalla Valtellina? Leemann mi rende triste

Maggiori dettagli
mp37vi
nella categoria Cronaca
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Attendere...